La primavera non aspetta: Gymnocalycium bruchii

Standard

In questi ultimi giorni è una vera e propria esplosione: una ventina di cactus e succulente stanno iniziando a fiorire, naturalmente tutte insieme, e io non riesco proprio a starci dietro! Mi ha sorpreso la spettacolare fioritura del piccolo Gymnocalycium bruchii che ho acquistato proprio un anno fa, quando era già in fiore, e che poi si era rapidamente sgonfiato, tanto che avevo pensato che la pianta fosse stata troppo “pompata” in vivaio e che, presto esaurita, non avrebbe superato l’inverno. E invece la capacità di rigenerazione delle piante è sempre stupefacente: il mio Gymnocalycium non solo si è ripreso alla grande, ma si è accestito paurosamente e ha prodotto tantissimi bocci che si sono aperti proprio negli ultimi giorni. Si tratta di una piccola cactacea di provenienza sudamericana, ed in particolare argentina, di forma globulare e dalle spine morbide e bianche, che si allungano come ragnetti sull’epidermide verde acceso suddivisa da costolature verticali. I fiori, che si raggruppano in fitti mazzi, sono di un rosa delicato (pare che aprile sia la stagione del rosa!). Il Gymnocalycium bruchii, che si declina in numerose varietà, sopporta in inverno temperature fino -15 gradi, a patto di essere tenuto privo di acqua, mentre in estate ama le posizioni soleggiate ma con un briciolo di conforto durante le ore più calde. Aspetto il bis!

20130424-085504.jpg

20130424-085549.jpg

20130424-085618.jpg

20130424-085643.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...