Archivi tag: portulaca

La Portulaca oleracea è una pianta infestante, ma almeno è buona da mangiare

Standard

Mi sono sempre chiesto come mai, nei supermercati, il primo reparto che si incontra entrando sia quello delle piante. Prima della frutta, prima della gastronomia, prima della carne. Già. Perchè un motivo deve esserci. Questi non fanno niente a caso. Studiano la musica da mettere in sottofondo, studiano le luci, la disposizione dei prodotti negli scaffali, è naturale che studino anche la successione dei reparti. Quindi la gente compra le piante se se le trova subito davanti, quando ancora è a mente fredda e non si è fatta sopraffare dal tedio o dall’ansia di fare la spesa? Oppure la presenza delle piante all’ingresso predispone semplicemente a maggiori e più proficui acquisti? Sarebbe interessante capire… Per quanto mi riguarda, ogni volta che entro all’Esselunga per fare la spesa devo combattere contro il desiderio di comprare un cactus: talvolta il pulcino bianco con l’aureola ha il sopravvento nella mia testa, e passo alla lattuga, talvolta il pulcino nero con le corna vince, e mi ritrovo con il sacchetto delle albicocche sbucazzato dalle spine!

L’ultimo acquisto è stata una pianta di Portulaca oleracea, dai fiori rosa acceso. Confesso che ho comprato questa pianta per rimediare ad un delitto che ho commesso: ho ucciso le surfinie. Beh, insomma, non sono convinto di averle uccise, forse si sono suicidate. Comunque dicevamo… avevo un vaso vuoto e ho sagacemente pensato che il clima subtropicale tendente al torrido del mio terrazzo non mi consentisse per il futuro di coltivare qualcosa di diverso da una succulenta. Mi pare che si chiami selezione naturale. Travasando la pianta, mi sono ricordato che in alcune balconiere che ho trovato nell’appartamento già piene di terra, periodicamente si ripresentano dei virgulti dalle foglie assolutamente identiche alla Portulaca: io le svello sempre con veemenza ma quelle ritornano.

Orrendo dubbio e immediata conferma dal web: la Portulaca oleracea è una pianta “particolarmente infestante” (mi puzza di eufemismo, sospetto che sia infestante abbestia: categoria questa riconosciuta dai manuali di botanica). Ma ormai il dado è tratto: accetto con rassegnazione il fatto che d’ora in poi passerò il 70% del mio tempo a strappare Portulaca imprecando da tutti gli altri vasetti. Mi consolo leggendo le numerose proprietà medicinali attribuite dalla tradizione a questa pianta, che pare abbia proprietà dissetanti, diuretiche, depurative, emostatiche, e molte altre. Inoltre pare che sia buona da mangiare, come attesta la sua diffusione nella cucina povera di molte regioni italiane: si consuma  in insalata, nelle frittate e nei ripieni. Ecco perchè al supermercato stava prima delle verdure, cavolo!

Portulaca grandiflora

Standard

La scorsa settimana ho passato alcuni giorni a Casciana Terme, ridente località della provincia di Pisa, che ormai da dieci anni mi vede per almeno un mese fra i suoi abitanti. Appuntamento immancabile è il mercato del giovedì mattina, dove sino ad ora mi portava la necessità di compiere insani acquisti presso le bancarelle cinesi con improbabili mutande a 1 €… quest’anno tuttavia il mio interesse è stato attratto dalla bancarella dei fiori, dove ho acquistato due vasetti di piantine fiorite, che il venditore mi ha indicato essere del genere Portulaca. Le piante appartenenti a questo genere, come spesso capita molto variabili le une dalle altre e in alcuni casi commestibili sia in insalata che previa cottura, non sono tutte succulente: queste che ho acquistato hanno invece delle foglie a forma di aghi, sottili e allungate, terminanti a punta, che lo sono chiaramente. Ognuno dei due vasetti comprende in realtà tre piante diverse, con fiori di colori differenti: in uno dei vasi ci sono piante che danno fiori bianchi, fucsia e rosa, mentre nell’altro ci sono fiori gialli, rosa scuro e rosa salmone. Le forma delle foglie e dei fiori rendono inequivocabile il riconoscimento della specie come Portulaca grandiflora. In questo momento ci sono pochissimi fiori aperti, ma tutte le piante sono piene di bocci, e non vedo l’ora che si schiudano (possibilmente tutti insieme, grazie! In modo che i apprezzino tutte le differenze di colore!). Da quanto mi ha spiegato il fioraio, la pianta dovrebbe essere annuale, ma al termine della fioritura dovrebbero prodursi semi in grande quantità: quindi lasciando indisturbata la fioriera in cui ho trapiantato i due vasetti, il prossimo anno dovrei ritrovarmi una proliferazione di Portulaca… Ho letto che è da considerarsi sostanzialmente una specie infestante, quindi temo un po’ i risultati dell’operazione!