L’ultimo regalo dell’Echinopsis obrepanda

Standard

Per chi non lo sapesse, ospito una meravigliosa Echinopsis obrepanda. Acquistata lo scorso anno in un supermercato, o meglio salvata in un supermercato dove languiva in un vaso piccolissimo e quasi secca, ha saputo ringraziarmi con ben tre fioriture successive: una prima volta all’inizio di giugno, una seconda a fine luglio, e infine una terza la scorsa settimana.

Osservando questi fiori ho capito che le fioriture non sono tutte uguali: la prima è stata una sorta di potentissimo miracolo, quando due bocci si sono schiusi contemporaneamente in una notte di luna piena, diffondendo un profumo intenso e delicato al tempo stesso. Fiori grandi, pieni, di prorompente vitalità. Un rosa carico e sgargiante. La seconda volta, si è aperto un unico fiore, ancora più grande dei precedenti e ancora più colorato, ma privo del profumo inebriante dei primi. La terza fioritura è stata dolce e pudica: quattro fiori si sono aperti nel giro di una giornata: più piccoli, dai petali più sottili e più radi, colorati di un rosa soffice che la luce impietosa del sole del mattino rendeva quasi bianco. Un regalo coraggioso e incerto come un sentimento che nasce.

Una risposta »

  1. Pingback: Per poco non faccio poker | 12mq

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...