Baby palette sotto la canicola

Standard

Fa un caldo boia in questi giorni, a Firenze. Guardo il mio terrazzo esposto a sud sotto la canicola e ringrazio che mi sia venuta la fissa per le piante che occupano gli habitat più torridi dal Messico al Sud Africa passando per la Bolivia ed il Perù invece che per le conifere e le altre piante tipiche della Groenlandia. A momenti temo di veder esplodere qualche cactus, o ritrovarlo bollito, o autocombusto, e altri scenari splatter di tal fatta.

Ecco un aggiornamento alla volè sulla crescita del fico d’india preso a Castiglioncello ad aprile. Confrontando le immagini con quelle di una settimana fa, si può vedere che le palette adesso sono perfettamente formate, e conservano ancora le foglie appuntite che scompariranno presto con la crescita della pianta. Sono fiero della riuscita di questa talea, e curioso di vedere se ne spunteranno altre a breve!

»

  1. Pingback: Osservando un Tephrocactus « 12mq

  2. Pingback: “Baby palette a chi?” « 12mq

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...